OAB_Biblioteca_Architettura_interno
Periodicamente in questa sezione verranno suggerite pubblicazioni per chi opera come architetto. L’elenco, che nel tempo si formerà, non ha la pretesa di essere esaustivo né è governato dalla presunzione di essere esclusivo. È un suggerimento per un itinerario di testi e discipline che rappresentano un supporto intellettuale fondamentale.

Autore | Eschilo (525 aC – 455 aC)
Titolo originale | Promethéus desmótes (460 aC)

Il più sublime esproprio popolare della storia! Prometeo ruba il fuoco agli Dei per consegnarlo agli uomini. Legato ad una rupe in Scizia, dove sarà seviziato dalle erinni per l’eternità, risponde alle accuse di oltraggio a Zeus, che lo aveva punito tramite Efesto:«Io sono colui che ha indicato con la luce, io sono colui che ha indicato il fuoco” […]». Propongo di imporre per decreto legge a qualunque architetto, alla stregua di quello di Ippocrate per i medici, il giuramento di Prometeo che “porti il suo peso fatale, intrappolando di frodo lo zampillo del fuoco che riluce tra gli uomini, senza che egli chiarisca il segreto”. Postilla: della trilogia di Eschilo, che prevedeva anche la liberazione di Prometeo, è rimasta traccia solo della prima tragedia. Rimediate leggendo la furia lirica di Prometheus Unbound (1820) di Percy Bysshe Shelley.

BDA_68 – 20 Luglio 2020

 

 

 

 


Autore | Roland Barthes (1915 – 1980)
Titolo originale | Fragments d’un discours amoureux (1977)

La vita si imbatte, a volte, in accadimenti casuali negativi che persuadono a credere in un destino malevolo. La morte di Barthes, investito mentre usciva dall’università di Parigi nel 1980, ne è l’evidenza, costringendo molti a maledire il fato, urlando contro qualche divinità che avrebbe dovuto dimostrarsi benevola impedendo la scomparsa prematura di un suggeritore di pensiero di così elevato acume. Siamo orfani da allora, accidenti! Convinciamoci che la nemesi sia il fatto che abbia avuto il tempo di scrivere un’opera per scienziati dell’amore che sbeffeggia il ridicolo, esalta l’attesa e allude al merito. No, non è un manuale di sopravvivenza per gli innamorati; 80 voci, ordinate alfabeticamente, non sono un Bignami dell’anima utile per citazioni da biscotti della fortuna. Però, qualche furto lo consiglio vivamente.  Le mythe est toujours un vol de langage […non lo troverete in questo libro!].

BDA_67 – 20 Luglio 2020

 

 

 

 

 


Autore | Friedrich Wilhelm Nietzsche (1844 – 1900)
Titolo originale | Also sprach Zarathustra. Ein Buch für Alle und Keinen (1885)

Una scimmia in ginocchio in un ambiente desertico martella ossa su ossa prima distrattamente poi più nervosamente. La scena diventa corollario dell’introduzione del poema sinfonico di Richard Strauss scritto nel 1896. Di quale film si tratti e chi sia il regista non ve lo dico. Quale sia il titolo del poema neppure. Dirò, invece, che Così Parlò Zarathustra è un libro decisivo per la storia del mondo, che, dalla stessa dichiarazione dell’autore, ambisce ad avere più valore in corpo che non tutti i pensatori del mondo presi insieme. Intende essere tautologico, proprio come le dottrine che pretende di sconfessare. Mettete un lampeggiante nella vostra testa: si rischia la vertigine a leggerlo come un poema, si rischia la sindrome a leggerlo come una bibbia.

BDA_66 – 8 Luglio 2020

 

 

 

 

 

 


Autore | Mikołaj Kopernik (1473 – 1543)
Titolo originale | De revolutionibus orbium caelestium (1543)

Si, si…è Copernico! A distanza di quasi 500 anni dalla pubblicazione c’è solo da leggerla in silenzio reverenziale, alternando qualche «ohh…ahh» di sorpresa ogni volta che vi capita di separare il valore poetico del linguaggio dalla violenza simbolica che ha generato il nuovo mondo. «Copernico applica all’universo un punto di vista estetico; trasforma per sempre la nozione di forma» | Alexandre Koyré.

BDA_65 – 23 Giugno 2020

 

 

 

 

 

 


Autore | Jonathan Swift (1667 – 1745)
Titolo originale | A Tale of a Tub. Written for the Universal Improvement of Mankind (1704)

Al di là del fatto che il nome italiano di quest’opera è determinato da un errore di traduzione. – cominciamo bene! – c’è qualcosa di speciale e di unico in questo trattato: impastare argomenti considerati riferimenti validi per la conoscenza proprio per irretire coloro che li considerano assoluti. Un libro con 5 digressioni e 3 favole a latere regalato alla modernità da uno dei più grandi scrittori satirici di tutti i tempi: eccessi religiosi, politica, costumi sociali e follie di varia natura. Un unico intento: «combattere sciocchi, bisbetici, invidiosi e uomini privi di gusto».

BDA_64 – 15 Giugno 2020

 

 

 

 

 

 


Autore | Platone (428 aC – 348 aC)
Titolo originale | Sympósion (380 aC)

«Agatone organizza una cena a casa sua e chiama qualche amico. Antipasti, primi, secondi, dolce e frutta. Alla fine il padrone di casa apre una bottiglia di «quello buono» dando ai commensali un ammazzacaffè che per molti anni ricorderanno come il favoloso nocino di casa. Ormai disinibiti si lanciano in iperboli verbali parlando di sesso e teorie anticipatrici dei diritti LGBT». Un commento migliore, vi prego, è indispensabile! Leggete con avidità questo libro. Fatelo in compagnia e sia data lode plebiscitaria a chiunque scorga qualche ingrediente misterioso di questo perfetto contributo alchemico al pensiero dell’uomo. Molto sta in quella misteriosa preposizione che compone il sostantivo: syn- con!

BDA_63 – 10 Giugno 2020

 

 

 

 


Autore | Paul Auster (1947)
Titolo originale | New York Trilogy (1987)

Come ha detto qualcuno, le storie capitano solo a chi le sa raccontare. Analogamente, forse, le esperienze si presentano solo a chi è capace di viverle. L’eldorado di ogni viaggiatore è una città che si apre solo a noi, mentre altri, nel purgatorio della recursione, girano in tondo come su un tapis roulant con le pareti opache. City of glass – Ghosts – The locked room: New York non esiste, questo luogo è ogni luogo.

BDA_62 – 29 Maggio 2020

 

 

 

 

 


Autore | Giambattista Basile (1566 – 1632)
Titolo originale | Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de peccerille (1634)

L’Italia è come se non possedesse questo libro: la prima raccolta in Europa, il più antico, il più ricco, il più artistico fra tutti i libri di fiabe popolari. Benedetto Croce dice che è un libro «edificato» e non «scritto». È il sogno di un deforme Shakespeare (cit. Italo Calvino), regale e cencioso, gentile e brutale, fastoso e plebeo. Ovunque, la regola del meticcio: la purezza è un capriccio fatuo.

BDA_61 – 20 Maggio 2020

 

 

 

 

 

 


Autore | Alexandre Koyré (1892 – 1964)
Titolo originale | Du monde de l’à peu près à l’univers de la précision (1948)

C’è un momento della vita di ognuno in cui si ha più paura degli accadimenti. È il momento in cui si crede che le proprie ambizioni siano troppo più grandi del proprio talento e si cede alla paura confidando nel fato. Se vi è capitato di trovarvi in questa condizione, nessuno sia autorizzato a biasimarvi. Respirate, riprendetevi, mettetevi comodi e leggete a voce alta questo prezioso e ostico volumetto. Prendete appunti soprattutto nella sezione che riguarda la connessione tra progresso tecnico e livelli di vita e non abbiate remore nel parlarne col vicino quando, nel sentire la vostra declamazione, chiamerà il 118 per un TSO d’urgenza.

BDA_60 – 14 Maggio 2020

 

 

 

 

 


Autore | Marco Tullio Cicerone (106 aC – 43 aC)
Titolo originale | De officiis (44 aC)

Dormire, lavarsi, mangiare, amare qualcuno, leggere Cicerone e solo dopo svolgere altre varie attività fondamentali indeterminate…. «Il diritto è una clausola imprescindibile della libertà di ogni cittadino in una comunità; va preteso a prescindere da qualunque circostanza di potere costituito perché è il fondamento su cui si basa la società. Mentre il dovere è una necessità che deve imporre a sé ogni uomo per l’esistenza stessa della convivenza umana». È chiaro il senso della locuzione «fammi da Cicerone»?

BDA_59 – 7 Maggio 2020

 

 

 

 

 


Autore | James Joyce (1882-1941)
Titolo originale | Finnegans Wake (1939)

Non abbiate mai timore di una sfida, anche se appare complessa e faticosa: l’ultimo libro di Joyce è un flusso di coscienza portato alle estreme conseguenze. È un libro che sfugge a ogni possibile classificazione critica quindi bisogna avvicinarsi con cautela. «Questo sito è un modo per iniziare una ricerca non per esaurirla». È una frase di Jimmy Wales, creatore di Wikipedia, non di Joyce. Il consiglio è di fare un salto sulla pagina dedicata a Finnegans Wake almeno per sapere di cosa si tratta. Sappiate, intanto, che è una delle più complesse imprese letterarie della storia della letteratura; qui c’è l’eco di tutta la cultura occidentale, uno sbalorditivo manuale di emancipazione linguistica per ri-costruire il mondo mentre lo descriviamo a noi stessi e ai nostri «congiunti».

BDA_58 – 30 Aprile 2020

 

 

 

 

 


Autore | Bertrand Russell (1872-1970)
Titolo originale | Proposed Roads to Freedom (1918)

È un imperdonabile errore di protervia diffidare di questo libro perché il titolo «vi suona troppo di sinistra». Strade proposte per la Libertà (titolo originale omesso nell’edizione Longanesi del 1970) è un’esemplare descrizione del modo di vivere la vita, pubblicata da Russell quando aveva già cambiato il corso del pensiero moderno con giganteschi contributi alla filosofia e alla logica. Dubitando del fatto che la notizia possa renderlo più affascinante sappiate che Bertrand Russell fu pesantemente calunniato e arrestato dopo questa pubblicazione. «Coloro le cui vite sono feconde per se stessi, per i loro amici e per il mondo, sono ispirati dalla speranza e sostenuti dalla gioia; essi vedono con l’immaginazione le possibilità del futuro e il modo in cui esse devono essere realizzate. Nelle loro relazioni private essi non sono dominati dall’ansia di perdere l’affetto e il rispetto di cui sono fatti oggetto; essi liberamente distribuiscono affetto e rispetto e la ricompensa giunge da sé senza che loro la debbano cercare. Nel loro lavoro non sono perseguitati dalla gelosia dei competitori, ma il loro unico interesse è il reale problema che deve essere affrontato e risolto. In politica essi non consumano il loro tempo e il loro entusiasmo nella difesa di ingiusti privilegi, della loro classe o della loro nazione, ma aspirano a rendere il mondo complessivamente più felice, meno crudele, meno ricco di conflitti tra interessi rivali, e più ricco di esseri umani la cui crescita non è stata conculcata e ostacolata dall’oppressione».

BDA_57 – 15 Aprile 2020

 

 

 

 


Autore | Gregory Bateson (1904-1980)
Titolo originale | Steps to an Ecology of Mind (1972)

La quarantena continua ed inseriamo in BdA un testo di un antropologo! – Fidatevi, non è una pubblicazione qualunque; è un entusiasmante gioco di domande per osservare perché le idee devono interagire per essere efficaci: «Le pratiche del corteggiamento, la natura del gioco, la grammatica di una frase, il mistero dell’evoluzione biologica e la crisi in cui oggi si trovano i rapporti tra l’uomo e l’ambiente, possono essere compresi solo in termini di una Ecologia delle Idee». G. Bateson – Nulla sarà come prima dopo l’epidemia, si sente ripetere come un mantra. Ci si convinca, allora, che dipende da ognuno di noi il fatto che la nostra comunità diventi opportunamente migliore.

BDA_56 – 1 Aprile 2020

 

 

 

 

 


Autore | Raymond Queneau (1903-1976)
Titolo originale | Exercices de style (1947)

Non ha alcuna importanza sapere del folgorante talento di Queneau! Questo è un testo bellissimo e sconcertante in cui 99 versioni diverse dello stesso fatto banale diventano un’architettura combinatoria, un avvincente gioco enigmistico. Occupate il tempo della clausura per il Corona-virus con le più soddisfacenti esperienze possibili ma, che avvertiate o meno paura e inquietudine, infilatevi in un libro-capolavoro in modo che queste giornate disorientanti abbiano almeno un merito.

BDA_55 – 14 Marzo 2020

 

 

 

 

 


Autore | Edgar Allan Poe (1809-1849)
Titolo originale | Abitazioni immaginarie (1840-1849)

Se in una raccolta di 3 brevi racconti uno si intitola «Filosofia dell’Arredamento» è sufficientemente facile intuirne l’argomento. Edgar Allan Poe tradotto da Charles Baudelaire tradotto da Giorgio Manganelli. Et voilà, ora ti leggi una vicenda straordinaria: un’intuizione di Baudelaire che propone al suo editore un piccolo libro sul tema della casa come «spazio dell’altrove», traducendo in francese alcuni racconti di Poe. La collana trilingue di Einaudi «Scrittori tradotti da scrittori», perla editoriale, ha inserito una voce ulteriore. Qui i «punti di vista» sono 3 come le lingue usate: il quarto è il tuo.

BDA_54 – 4 Marzo 2020

 

 

 

 


Autore | Yona Friedman (1923-2020)
Titolo originale | Utopies réalisables (1974)

Sarebbe stato giusto inserire questo libro prima della scomparsa di Yona Friedman avvenuta il 20 febbraio 2020. In due anni dall’avvio della Biblioteca di Architettura ad alcuni questa sezione può apparire come un elenco di epitaffi. Non è così! Un’apologia post mortem ha senso se ruba all’oblìo parole e idee che forniscono strumenti per comprendere la complessità. «Questo libro ci indirizza verso un compromesso: riconoscendo l’impossibilità di raggiungere un’utopia che tenga conto di tutti gli obiettivi e i principi sopra elencati (come le riflessioni sull’ambiente, sulla società senza concorrenza, sulla “comunicazione debole” o sulla città globale), rimane un certo numero di proposte specifiche (e in aree limitate) che sono fattibili, una per una.» | Yona Friedman

BDA_53 – 25 Febbraio 2020

 

 

 

 


Autore | Emanuele Severino (1929-2020)
Titolo originale | Il mio Ricordo degli Eterni (2011)

«Morto un papa se ne fa un altro» non vale per Emanuele Severino. Il 2020 si apre con la scomparsa di uno dei massimi filosofi del ‘900. L’evento, di per sé prevedibile per un uomo di 91 anni, è un inquietante presagio per il nutrimento del nostro intelletto per cui le sue parole avrebbero potuto continuare a fornire vitamine. Questa pubblicazione è un’autobiografia che raccoglie esempi per una universale esistenza: memoria, ricordo, falsità e distrazione. «Il ricordo di per sé è falso e distratto; ciò che se ne va scompare per un poco. Ma poi, tutto ciò che è scomparso riappare».

BDA_52 – 11 Febbraio 2020

 

 

 

 

 


Autore | David Foster Wallace (1962-2008)
Titolo originale | Infinite Jest (1996)

Perché? Bisogna chiedersi perché! È inutile imbattersi in alcuni libri solo per l’attesa di un intrattenimento. Questo labirintico gioco letterario è diventato famoso perché è stato dichiarato un capolavoro contemporaneo. Non aspettatevi, però, un passatempo emotivo. È un libro ardito, ironico, carnale, frenetico. Un semplice espediente letterario apre un dedalo di collegamenti ipertestuali stordenti: la ricerca di un film, Infinite Jest, appunto, che ha la particolarità di indurre in chiunque lo guardi, anche solo per pochi istanti, un piacere talmente intenso da portare in breve tempo alla catatonia e, di seguito, alla morte. Poco più di 1000 pagine: si tenga lontano da questo libro chi non vuole investire parecchio della propria intelligenza, appassionandosi, invece, a tutte le oscenità volgari che preferisce. Liberi di cedere alla vacuità: un’occasione persa di godere in un vortice.

BDA_51 – 20 Gennaio 2020

 

 

 

 


Autore | Tullio Regge (1931-2014)
Titolo originale | L’universo senza fine. Breve storia del tutto: passato e futuro del cosmo (1999)

Perché mai dovrebbe interessarci un saggio che discetta su quale aspetto avrà l’universo tra miliardi di anni? Forse ci può appassionare quando affronta il dilemma di quale sia il destino del pianeta terra? L’eredità di uno dei grandi protagonisti della ricerca scientifica ci restituisce l’idea che tutto è destinato ad espandersi progressivamente. L’evoluzione dell’universo non dipende, purtroppo, da quanto noi sappiamo di esso ma acquisire gli strumenti che ci permettono di distinguere verità ed impostura, percorso affrontato in questa pubblicazione, ci consente di appartenere alla categoria degli uomini anziché a quella degli idioti.

BDA_50 – 20 Dicembre 2019

 

 

 

 

 


Autore | Giulio Carlo Argan (1909-1992)
Titolo originale | Walter Gropius e la Bauhaus (1951)

A 100 anni dalla fondazione, a Weimar, della Staatliches Bauhaus, un’esemplare testimonianza ad opera di un grande studioso, assertore della funzione educativa dell’arte, sintetizzata nella prefazione della pubblicazione di Herbert Read, Educare con l’arte. La descrizione di quanto Industrial design, architettura e urbanistica siano unificate e attraversate da un identico valore civile: un’idea nobile e potente che riesce a trovare – attraverso le entusiasmanti parole di Argan – le ragioni profonde e universali della propria affermazione.

BDA_49 – 7 Dicembre 2019

 

 

 

 

 


Autore | Remo Bodei  (1938-2019)
Titolo originale | Dominio e Sottomissione (2019)

Schiavi, animali, macchine, Intelligenza Artificiale. Una magistrale ricostruzione delle vicende millenarie del rapporto complesso tra dominio e sottomissione che ha attraversato la storia dell’umanità.
Remo Bodei muore il 7 novembre 2019. Questa pubblicazione è il doveroso ossequio per un’intellettuale onnivoro, educatore di uomini tramite infinite passeggiate sui libri, frequentatore di musei, cinema, sale da concerto, esploratore di città.

BDA_48 – 19 Novembre 2019

 

 

 

 

 


Autore | Rudolf Arnheim  (1904-2007)
Titolo originale | Art and visual perception (1954)

«Vedere» è un atto creativo. Quanti, tuttavia, sanno prendere coscienza del giudizio visivo,  tradurlo e formularlo? Sapere quali sono i principi psicologici che lo motivano e quali sono le componenti del processo visivo che partecipa alla creazione come alla contemplazione dell’opera, significa sapere «che cosa», in realtà, vediamo.

BDA_47 – 4 Novembre 2019

 

 

 

 

 

 


Autore | Emanuel Swedenborg (1688-1772)
Titolo originale | La Zona Grigia di Minerva – Antologia di scritti (1744)

Una delle figure cardini per la nascita dello spiritismo afferma, in questa pubblicazione, che in una determinata fase della propria vita ha percepito ogni propria idea come una sequenza di visioni. In tali circostanze di alternanza tra delirio e coscienza, non sono quelle mistiche le sole idee a essere in causa, ma la conoscenza stessa: il rapporto tra il reale e la sua possibile conoscenza. La grande e fondamentale questione che indaga il mondo in una determinata sequenza di domande: qual è la natura del pensiero umano, quali sono i suoi meccanismi, le sue possibilità e i suoi limiti?

BDA_46 – 2 Ottobre 2019

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Claudio Magris (1939)
Titolo originale | Alfabeti. Saggi di letteratura  (2008)

Una sorta di autobiografia intellettuale, in cui si indagano criticamente le complesse relazioni tra artista e individuo. Una sequenza di soavi considerazioni del prossimo Premio Nobel Italiano.

BDA_45 – 24 Settembre 2019

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Edmond Jabès (1912-1991)
Titolo originale | Livre des Questions  (1963-1973)

La verità non appare nella risposta, ma nella domanda: un’interrogazione che presuppone sempre l’altro e non smette mai di risuonare, aprendosi così al volto singolare di chi quella domanda ascolta, accogliendola in modo ospitale. Un’interrogazione infinita, testimonianza di vita e di ricerca di assoluto.

BDA_44 – 10 Settembre 2019

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Wystan Hugh Auden (1907-1973)
Titolo originale | The Dyer’s Hand and Other Essays  (1962)

Un fitto itinerario di ragioni e temi per l’uomo, trattati, in prosa, da una delle più alte personalità poetiche del Novecento. Paesaggio, città, letteratura, musica, filosofia, diritto. Una vertigine di idee da consegnare al tempo.

BDA_43 – 31 Agosto 2019

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Emile Cioran (1911-1995)
Titolo originale | Histoire et utopie  (1960)

«Volevo semplicemente farti osservare che questo mondo, per niente meraviglioso, potrebbe in qualche modo diventarlo, imponendosi compiti impossibili, opposti a quell’orribile buon senso che lo sfigura e lo rovina».

BDA_42 – 16 Luglio 2019

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Ernst Hans Josef Gombrich (1909-2001)
Titolo originale | Meditations on a Hobby Horse and Other Essays on the Theory of Art   (1963-1971)

Una illuminante sequenza di saggi della storia e del valore dell’arte: dall’analisi delle radici della forma artistica e dallo studio dei meccanismi della percezione visiva alla natura morta, alle immagine satiriche, alla storia sociale dell’arte. I problemi chiave di ogni tempo osservati attraverso il ruolo dell’espressione e dell’astrazione.

BDA_41 – 1 Luglio 2019

 

 

 

 

 


Autore | Bruce Chatwin (1940-1989)
Titolo originale | What Am I doing here?  (1974-1988)

«Forse dovremmo concedere alla natura umana una istintiva voglia di spostarsi, un impulso al movimento nel senso più ampio. L’atto stesso del viaggiare contribuisce a creare una sensazione di benessere fisico e mentale, mentre la monotonia della stasi prolungata o del lavoro fisso tesse nel cervello delle trame che generano prostrazione e un senso di inadeguatezza personale. In molti casi quella che gli etologi hanno designato come “aggressività” è semplicemente una risposta stizzosa alle frustrazioni derivanti dall’essere confinati in un certo ambiente». …C’è altro da aggiungere?

BDA_40 – 19 Giugno 2019

 

 

 

 

 

 


Autore | Claude Lévi-Strauss (1908-2009)
Titolo originale | Le regard éloigné  (1983)

«Nel reticolo dei rapporti sociali, i nodi hanno una priorità logica sulle linee». È un libro di una enorme densità di idee e suggestioni: cultura ed ecologia; lingua e storia; la singola esistenza di un individuo e il cosmopolitismo; antropologia e società; libertà di scelta e il capriccio dell’uomo; l’arte e le responsabilità civili. Lo sguardo sull’applicazione di un metodo, in cui prima delle soluzioni formali si affrontano gli strumenti di conoscenza più adeguati per comprendere i valori, un’angolazione nuova per raggiungere l’essenza di ogni concetto e di ogni problema.

BDA_39 – 11 Giugno 2019

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Giacomo Leopardi  (1798-1837)
Titolo originale | Zibaldone di Pensieri (1817-1832)

Documenti indispensabili per l’interpretazione dell’anima e dell’arte dell’uomo. La testimonianza di uno dei più grandi pensatori italiani di ogni epoca.

BDA_38 – 29 Maggio 2019

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Alfred Jarry  (1873-1907)
Titolo originale | Gestes et opinions du docteur Faustroll, pataphysicien (1907)

Con questo libro, pubblicato postumo (nel 1911), si rivelò al mondo la scienza delle scienze, che tutte le altre ingloba e vanifica: la patafisica, «scienza delle soluzioni immaginarie», che si prefigge di studiare le leggi che reggono le eccezioni (quindi, in modo più o meno evidente, tutto) e di spiegare l’universo supplementare al nostro.

BDA_37 – 21 Maggio 2019

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Fëdor Michajlovič Dostoevskij  (1821-1881)
Titolo originale | Zapiski iz podpolja (1864)

Un frenetico monologo che «è importante non per ciò che esprime o racconta, ma per come lo esprime e lo racconta» (Vladimir Nabokov). Terminata la lettura di Dostoevskij non è la mente a entrare in funzione, ma il subconscio. Le memorie ti entrano in testa e ti scombussolano l’anima; ti comunicano delle verità assolute e ti lasciano lì, solo, a scontrarti con esse.

BDA_36 – 4 Maggio 2019

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Jorge Luis Borges (1899-1986)
Titolo originale | Elogio de la sombra, (1969)

Un incantevole dialogo poetico con le virtù di ogni epoca e luogo, suggerito dalla cultura dello studio continuo:«Altri si vantino delle pagine che han scritto; / io vado fiero di quelle che ho letto»» – Borges

BDA_35 – 23 Aprile 2019

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore |  Walter Benjamin (1892-1940)
Titolo originale | Immagini di città, (1925-1933)

Raccolta di testi pubblicati postumi, assemblata da Peter Szondi nel 1955, in cui Benjamin viaggiatore si mostra descrittore dell’anima delle città. «Le città, colte da Benjamin in istantanee che fermano l’effimero nell’eternità dell’immagine, sono vive; la loro aura è la seduzione del sensibile e del presente. Le loro case, le loro strade, i volti dei loro passanti hanno delle crepe che annunciano, come le rughe su un viso, lo sgretolarsi della vita e della storia» – Claudio Magris

BDA_34 – 11 Aprile 2019

 

 

 

 

 

 


Autore |  Thomas Bernhard (1931-1989)
Titolo originale | Alte Meister, (1985)

«Ridiventare ogni giorno, di primo mattino, un vero essere umano che pensa e sente». Il protagonista come alter ego dell’uomo che, in una ventennale osservazione maniacale di un’opera del Tintoretto, si muove alla ricerca dei difetti di un capolavoro. Poiché l’idea del tutto, della perfezione, è annichilente, Bernhard vuole percepire nell’errore la frammentarietà del mondo, alla ricerca della vita.

BDA_33 – 4 Aprile 2019

 

 

 

 

 

 


Autore |  Marcel Proust (1871-1922)
Titolo originale | À la recherche du temps perdu, (1909-1922)

Chiunque, scorgendo questa rubrica, possa affermare di aver letto per intero le 7 parti della Recherche, sia orgoglioso di condividere con quanta più gente possibile una tale esperienza di estasi letteraria. Pubblicato, a più riprese tra il 1913 e il 1927, questo immenso romanzo è un superlativo quadro espressivo della piena coscienza di sé, che si raggiunge nel completo dispendio di ragione, memorie e forze inconsce.

BDA_32 – 22 Marzo 2019

 

 

 

 

 

 


Autore |  Lucio Annèo Seneca (4 aC – 65 dC)
Titolo originale | Epistulae morales ad Lucilium, 62 dC

Una serie di lettere costruite come un dialogo da considerare come un eccezionale strumento di crescita morale. Opera senile di Seneca cui Agrippina, anni prima della redazione delle Epistolae, affidò l’educazione del figlio Domizio. Si può mantenere inalterato il giudizio, riconoscendone il merito, per tale sublime opera di filosofia morale considerando che il fanciullo divenne, poi, il famigerato Nerone?

BDA_31 – 10 Marzo 2019

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore |  Galileo Galilei (1564-1642)
Titolo originale | Dialogo, 1632

Testo fondamentale nell’evoluzione del nostro pensiero scientifico e filosofico. Il libro «eretico» per antonomasia. La demolizione di antiche credenze e un contributo decisivo per nuove verità, basate sulla scienza supportata dall’esperienza empirica e dall’osservazione diretta.

BDA_30 – 27 Febbraio 2019

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore |  Galileo Galilei (1564-1642)
Titolo originale | Saggiatore, 1623

Ironia e precisione metodologica: un suggerimento da seguire per qualunque professione nonché per la vita stessa. Si ricorda ai lettori che Il “saggiatore” è una bilancetta di precisione usata dagli orafi.

BDA_29 – 27 Febbraio 2019

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore |  Ludwig Wittgenstein (1889-1951)
Titolo originale | Bemerkungen über die Farben, 1951

Una vera e propria grammatica del vedere. Un laboratorio intellettuale dei rapporti tra logica ed esperienza. Un invito all’attività di paziente chiarificazione nello sforzo di risolvere desiderio, intenzione, aspettativa.

BDA_28 – 19 Febbraio 2019

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore |  Jane Jacobs (1916-2006)
Titolo originale | The Death and Life of Great American Cities, 1961

Un testo da considerare come lascito ereditario che chiarisce i termini e i limiti dell’Urbanistica a difesa della vitalità dell’esperienza urbana. Un classico della sociologia urbana, un’altalena tra protezione dell’autonomia personale e difesa dell’ordine sociale. «Può darsi che siamo diventati un popolo così distratto da non curarci più di come realmente vadano le cose».

BDA_27 – 11 Febbraio 2019

 

 

 

 

 

 

 


Autore |  Rem Koolhaas (1944)
Titolo originale | Delirous New York, 1978

In un tempo di vero compiacimento del «vedere» Rem Khoolaas capovolge il senso della ricerca culturale per il «progetto» analizzando l’impatto di New York sull’architettura, nella duplice veste di architetto professionista e di testimone di sensazioni civili, in una mutua assistenza tra i due ruoli che si mostra come la ragione del comprendere.

BDA_26 – 30 Gennaio 2019

 

 

 

 

 

 


Autore |  Lucio Giunio Moderato Columella (4-70 d.C.)
Titolo originale | De Re Rustica, 60-65 d.C.

Un compendio superbo di aspetti sostanziati di tecnica, citazioni e di esperienza vissuta: abitudini, paesaggi, culture e abitazioni. Il senso della vita conservato dal contatto con la natura, dove e come si costruiva un cascinale, una villa, una cantina. Un’educazione alla pazienza, da leggere per ciò che racconta di mestiere e di umanità.

BDA_25 – 25 Gennaio 2019

 

 

 

 

 

 


Autore |  Martin Heidegger (1889-1976)
Titolo originale | Der Begriff der Zeit, 1924

Il ‘900 si illumina dopo una conferenza di Marburgo del 1924 in cui Martin Heidegger presenta le linee fondamentali delle indagini sul tempo inteso come carattere costitutivo dell’esistenza umana.

BDA_24 – 15 Gennaio 2019

 

 

 

 

 

 

 


Autore |  Philippe Petit (1949)
Titolo originale | Creativity, the perfect crime – 2014

Nel 1974 il funambolo Petit compie una traversata su una fune tra le Twin Towers di New York. Durante i 6 anni precedenti alla performance impara tutto a proposito degli edifici e della loro costruzione. Un’apologia della creatività intesa come azione sovversiva e poetica, un sostantivo cumulativo composto da tre valori: preparazione, coraggio, perseveranza.

BDA_23 – 15 Gennaio 2019

 

 

 

 

 

 

 


Autore |  José Ortega y Gasset (1883-1955)
Titolo originale | Raccolta di saggi, 1939-1951

Il rifiuto del senso del capriccio nelle scelte dell’architetto. L’architettura non è, non può, non deve essere un’arte esclusivamente personale. È un’arte collettiva.

BDA_22 – 21 Dicembre 2018

 

 

 

 

 

 

 

 



Autore
| François Jullien (1951)
Titolo originale | Il n’y a pas d’identité culturelle mais nous défendons les ressources d’une culture, 2016

Come trovare un punto di equilibrio tra la tolleranza e l’assimilazione, tra la difesa di una singolarità e l’esigenza di universalità? La risposta di Jullien sta nell’osservazione dell’universale, dell’uniforme e del comune.

BDA_21 – 11 Dicembre 2018

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Benoît Mandelbrot (1924-2010)
Titolo originale | Les objects fractals: forme, hasard et dimension, 1975

L’indagine della natura e dell’uomo cambia radicalmente, tramite un nuovo codice interpretativo per misurazioni e dimensioni. Una teoria di una potenza espressiva enorme, definita da Mandelbrot come strumento di osservazione dell’intero universo, racchiuso in una folgorante tricotomia che rappresenta il senso della ricerca: liscio, ruvido, meraviglioso.

BDA_20 – 29 Novembre 2018

 

 

 

 

 

 


Autore | Lewis Carroll (pseud. di Charles Lutwidge Dodgson, 1832-1898)
Titolo originale | Alice’s adventures in Wonderland, 1865

Un’assoluta opera di ingegno, un libro perturbante travestito da «libro per bambini». Nei momenti in cui il regno dell’umano sembra condannato alla pesantezza è utile volare nell’universo di quella letteratura dove s’aprono sempre altre vie da esplorare, nuovissime e antichissime, stili e forme che possono cambiare la nostra immagine del mondo (Italo Calvino). A questo libro è collegato il suo naturale seguito Through the Looking Glass, del 1871.

BDA_19 – 20 Novembre 2018

 

 

 

 

 


Autore | Herbert Marcuse (1898-1979)
Titolo originale | Eros and civilization: a philosophical inquiry into Freud, 1955

Un grande teorema dell’autocritica borghese in cui si cela la speranza di qualcosa di meglio nel futuro.

BDA_18 – 8 Novembre 2018

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Robert Musil (1880-1942)
Titolo originale | Der Mann ohne Eigenschaften, 1930 (incompiuto)

Una delle più importanti opere della letteratura mondiale. Un grandioso lavoro intellettuale rimasto incompiuto. Un’antidoto contro tutte le tautologie che si prefiggono di rappresentare la realtà in ogni sua trasformazione. L’uomo senza qualità, di fatto, è il racconto della «qualità senza l’uomo».

BDA_17 – 29 Ottobre 2018

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Boris Leonidovic Pasternak (1890-1860)
Titolo originale | Raccolta di poesie 1912-1944

«Gran Dio dell’Amore gran Dio dei Dettagli». Una delle voci più alte della poesia del ‘900. Premio Nobel 1958. Una raccolta di poesie costruite come un breviario di iniziazione per l’uomo destinato a sorprendere le più sottili minuzie del mondo, immagini che dischiudono uno spazio dal sapore di meraviglia di cui sia insensato non capire nulla.

BDA_16 – 22 Ottobre 2018

 

 

 

 

 

 


Autore | Johann Wolfgang von Goethe (1739-1832)
Titolo originale | Faust, 1831

Uno dei grandi capolavori della letteratura di ogni tempo. Un archivio segreto dei misteri di un uomo artista aiutato dal diavolo ad affrontare le istanze del mondo, rivelandone le contraddizioni, aspirando al raggiungimento della bellezza.

BDA_15 – 12 Ottobre 2018

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Philip Kindred Dick (1928-1982)
Titolo originale | The simulacra, 1964

Geniale e visionario. Un puzzle i cui pezzi permettono di osservare la realtà con occhio diverso. Un mondo inquietante in cui il cittadino è succube della manipolazione dell’informazione e della tecnologia. La via per il riscatto c’è…perché, dopotutto, “la verità esiste, sepolta da qualche parte”.

BDA_14 – 25 settembre 2018

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Sigmund Freud (1856-1939)
Titolo originale | Massenpsychologie und Ich-Analyse, 1921

Testo tragico e profetico sulla psicologia dei gruppi e sui processi di massificazione che caratterizzano le società tardo-moderne. L’osservazione dell’individuo all’interno di una massa. L’affettività e la capacità intellettuale, la suggestione e l’influenzabilità nel processo della scelta per sé, per il perseguimento dei propri desideri, per la propria esistenza in gruppo.

BDA_13 – 16 settembre 2018

 

 

 

 

 

 



Autore
| Stendhal (Marie-Henri Beyle) (1783-1842)
Titolo originale | De l’Amour, 1822

L’amore è la forza generativa di ogni azione creativa. «Lasciate lavorare la testa di un innamorato per 24 ore. Ecco che cosa vi troverete: nelle profondità abbandonate, un ramo privato di foglie dal gelo lo si ritrova coperto di fulgide cristallizzazioni; i più minuti ramoscelli sono fioriti d’una infinità di diamanti mobili e scintillanti».

BDA_12 – 3 settembre 2018

 

 

 

 

 

 



Autore
| Honoré de Balzac (1799-1850)
Titolo originale | La Comédie humaine, 1842-48

Mastodontica opera letteraria in 16 volumi, in cui si collegano avvenimenti e personaggi, in uno sviluppo ciclico di antefatti e di azioni in ambienti diversi, per arrivare a una rappresentazione completa, orizzontale e verticale, della società….Capire a cosa servirà leggere questo classico prevede uno sforzo di umiltà e coraggio.

BDA_11 – 1 Agosto 2018

 

 

 

 

 

 

 



Autore
| Georges Perec (1936-1982)
Titolo originaleLa vie mode d’emploi, 1978

Un grandioso mosaico letterario centrato su persone e cose, presenti e passate, descritte in un caseggiato parigino. «La conoscenza del tutto e delle sue leggi, dell’insieme e della sua struttura, non è deducibile dalla conoscenza delle singole parti che lo compongono».

BDA_10 – 24 Luglio 2018

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Michel Foucault (1926-1984)
Titolo originaleLes Mots et Les Choses, 1966

Un libro scritto con la spada, con la lama, da un samurai secco come selce, il cui sangue freddo e orgoglio erano senza limiti.
Un’archeologia delle scienze umane: dalla legge della rassomiglianza alla teoria della rappresentazione. Tra le parole e le cose non esiste più alcuna somiglianza.

BDA_9 – 9 Luglio 2018

 

 

 

 

 

 

 



Autore
| Bruno Munari (1907-1998)
Titolo originaleDa cosa nasce cosa, 1981

Appunti per una metodologia progettuale. È un testo che rende felici per la leggerezza incantata con cui porta a scoprire che saper progettare non è dote esclusiva e innata di pochi. In ognuno c’è una creatività da mettere in luce, da curare, da dimostrare a sé e condividere.

BDA_8 – 25 Giugno 2018

 

 

 

 

 

 



Autore
| Gianni Rodari (1920-1980)
Titolo originaleLa grammatica della Fantasia, 1973

Si possono dare regole a una cosa che per sua natura le vuole stravolgere? Creativa è «una mente sempre al lavoro, sempre a far domande, a scoprire problemi dove gli altri trovano risposte soddisfacenti». La creatività non è una qualità innata ma può essere sviluppata.

BDA_7 – 25 Giugno 2018

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Italo Calvino (1923-1985)
Titolo originaleLe città Invisibili, 1972

Dalle stesse parole di Calvino, è un libro fatto a poliedro: di conclusioni ne ha un po’ dappertutto, scritte lungo i suoi spigoli. Molto citato e poco letto, è una sublime apologia della città, dalla forza visionaria, un testo di rara efficacia descrittiva e di esemplare leggiadria.

BDA_6 – 15 Giugno 2018

 

 

 

 

 

 

 


Autore | Iosif Brodskij (1940-1996)
Titolo originaleFondamenta degli Incurabili, 1989

Un meraviglioso contrappunto di immagini e parole dedicato a Venezia. Presentato per il Consorzio Venezia Nuova in un’edizione fuori commercio, il volume è un fondamentale testo sul rapporto tra tempo e forma. L’esercizio del «vedere» in una sorprendente metafora dell’acqua che migliora l’aspetto del tempo e abbellisce il futuro.

BDA_5 – 9 Giugno 2018

 

 

 

 

 

 


Autore | Edwin A. Abbott (1838-1926)
Titolo originaleFlatlandia, 1882

Una favola scientifica dalla insospettabile profondità. Un enorme foglio di carta abitato da migliaia di figure geometriche che parlano e si comportano come uomini. Lo stupore e la meraviglia della scoperta del mondo a tre dimensioni. Una memorabile testimonianza del valore rivoluzionario dell’immaginazione e del coraggio del pensiero contrario.

BDA_4 – 31 Maggio 2018

 

 

 

 

 

 


Autore | Joseph Rykwert (1926)
Titolo originaleOn Adam’s House in Paradise, 1972

Le ragioni fondamentali del costruire e dell’abitare, in rapporto a tutta la nostra vita. Una appassionante e originalissima ricerca, un labirintico percorso delle origini del costruire con grandiosi complessi mitologici e rituali: greci, ebraici, mesopotamici, giapponesi e australiani.

BDA_3 – 31 Maggio 2018

 

 

 

 

 

 


Biblioteca_Architetto_2_Epalinos_Architetto

Autore | Paul Valéry (1871-1945)
Titolo originaleEupalinos ou l’Architecte, 1921

Moderno dialogo platonico in cui Socrate e Fedro rievocano i precetti dell’architetto Eupalinos di Megara al fine di indagare «quel gusto dell’eterno che si osserva a volte nei vivi». La ricerca dell’«ombra di qualche verità» nelle creazioni dell’uomo. L’eterna questione della forma nella magnifica riflessione di Valéry.

BDA_2 – 23 Maggio 2018

 

 

 

 

 

 


Biblioteca_Architetto_1_Maledetti_Architetti_Wolfe

Autore | Tom Wolfe (1930-2018)
Titolo originaleFrom Bauhaus to Our House, 1981

Feroce critica all’integralismo intellettuale che non risparmia figure oracolari dell’Architettura contemporanea: Gropius, Le Corbusier, Mies Van Der Rohe.

BDA_117 Maggio 2018