Accedi a www.aslarchitettura.it e inserisci i tuo desideri urbani


Raggiunti 237 soggetti urbani in 70 Comuni dell’intera Provincia di Bergamo.


Continua l’enorme interesse per il Progetto ASL | Atlante Second Life in molte Province italiane che chiedono di applicare la stessa procedura sui loro territori. Continua, intanto, l’inserimento costante di soggetti urbani nella Provincia di Bergamo.

Con gli interventi di Gianpaolo Gritti e Marzia Pesenti, per conto dell’OAB, della Dottoressa Patrizia Graziani, dirigente Ufficio Scolastico Provinciale, e del Prof. Fulvio Adobati, Prorettore UniBg – Delegato del Rettore Remo Morzenti Pellegrini, è stato presentato ufficialmente il 21 Marzo 2019 il grande progetto di osservazione del territorio che ha l’ambizione di stimolare un giudizio consapevole delle possibili trasformazioni urbane, per la cura e il miglioramento delle città. Il progetto è rivolto, oltre che agli Iscritti all’Ordine, a tutti i cittadini dedicando particolare attenzione agli studenti.

ASL | Atlante Second Life, avviato come progetto del Gruppo di Lavoro OAB Cura del territorio, coordinato dalla Consigliera Marzia Pesenti, realizzato con una serie di consulenti e collaborazioni territoriali, è una piattaforma operativa utilizzabile sia su desktop che su mobile.

Ogni cittadino della Provincia di Bergamo, di qualunque età, e non solo i professionisti iscritti all’Albo degli Architetti, può inviare una foto, attraverso l’applicativo ASL, di un «soggetto urbano» della sua città, pubblico e privato, a cui vorrebbe «concedere una vita» migliore di quella che ha: un edificio dismesso o uno in funzione che si ritiene debba essere migliorato e destinato ad un uso più corretto, un campo, una piazza, un bene da recuperare, un cavalcavia, un’infrastruttura, un rudere, un giardino poco decoroso. È un invito a documentare qualunque storia sollevandola dall’oblìo.

Tramite il sito www.aslarchitettura.it, chiunque può indicare ubicazione, tipologia, caratteristiche, trascrivendo il proprio desiderio di nuova destinazione: una seconda vita, appunto.

ASL consentirà di strutturare specifici percorsi per gli studenti, supportati anche da questionari con cui verranno aiutati nello studio e nell’osservazione di parti del proprio territorio, comprendendo termini, funzioni sociali, logiche urbane, possibili trasformazioni ed usi.

Le scuole superiori della Provincia di Bergamo diventeranno, di fatto, protagoniste del programma con un’attività collegata a progetti di stage operativi e Alternanza Scuola Lavoro. È infatti previsto uno specifico programma di attività in classe coadiuvato da professionisti iscritti all’Albo degli Architetti che seguiranno in forme di tutoraggio le analisi trasformative dei luoghi indicati.

I «soggetti urbani» fotografati, conservati in database visibili e liberamente accessibili, saranno, in seguito, oggetto di analisi approfondite, categorizzati e osservati partendo dall’ipotesi indicata da chi ha fotografato.

Esistono molti sguardi diversi in ogni comunità, particolari modi di guardare i luoghi urbani. ASL vuole farli uscire allo scoperto stimolando il desiderio.

Nel tempo rappresenteranno una testimonianza della condizione urbana nonché dei livelli di trasformabilità di un intero territorio.

È certo che le fotografie che ognuno realizzerà apparterranno a due categorie: quelle puramente descrittive, che hanno l’intenzione di mostrare il soggetto urbano, e quelle che, invece, hanno l’ambizione di rappresentare una forza estetica propria.

Entrambe, comunque, saranno protagoniste assolute del progetto ASL | Atlante Second Life perché destinate ad una Mostra espositiva completa di tutte quelle che saranno pervenute tramite il sito. Ognuno, quindi, sarà testimone del programma esprimendo un giudizio sul «proprio» luogo attraverso ciò che conosce meglio, con un desiderio, semplice o complesso, sempre estremamente personale, che prevede una dimensione etica dell’osservazione e una condivisione con gli altri.

È assai consigliabile invitare gli studenti a fotografare un soggetto urbano invitando persone a partecipare allo scatto, proprio per favorire un’attività ludica ed emulativa, fondamentale per condividere esperienze.

ASL all’interno degli Istituti Scolastici renderà fattuale la procedura di discenza | docenzaauspicio di conoscenza disciplinare e sociale, con la pretesa di sconfessare il ruolo superfluo cui spesso i ragazzi sono destinati.

L’intero progetto costituisce la prima fase delle attività che sono pianificate dall’OAB per il 2019 per il programma CIAM2019, previsto a luglio e ad ottobre, collegato al 70° anniversario del Congresso Internazionale di Architettura Moderna che si tenne a Bergamo nel 1949 e che vide la partecipazione dei più importanti architetti mondiali.

«ASL è una piattaforma di desideri, uno strumento che ambisce a diventare un riferimento per chiunque voglia indicare le possibilità di una comunità, un itinerario urbano di prospettive future. È un ribaltamento della visione: dal degrado all’opportunità, dal lamento alla proposta». Gianpaolo Gritti, Presidente dell’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Bergamo