Visto il perdurare di condizioni meteo estreme, l’Agenzia di Tutela della Salute Bergamo, UOC Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro, ha diramato un comunicato per richiamare l’attenzione sul rischio da esposizione a temperature severe per i lavoratori.

Le alte temperature, registrate in questa estate, impongono particolare attenzione per le azioni di prevenzione con particolare riguardo i soggetti più vulnerabili compresi i soggetti che, per attività lavorativa svolta, possono essere maggiormente esposti agli effetti del caldo”.

Le attività lavorative ad alto rischio comprendono anche parte di quelle svolgibili nell’ambito dell’edilizia e della cantieristica: Lavorazioni agricolo/forestali, Floricoltura – Giardinaggio, Edilizia e Cantieristica Stradale/Ferroviaria/Navale, Lavorazioni in cave e miniere a cielo aperto, personale addetto alla sorveglianza e assistenza bagnanti, Istruttori di sport all’aperto, Pesca e Lavori a bordo di imbarcazioni ecc…

Le attività che possono comportare esposizione a rischio comprendono quelle svolte da addetti a lavorazioni all’aperto e da manutentori: Operatori ecologici/netturbini, Addetti a lavorazioni all’aperto o in piazzali, Rifornimento carburante stradale/aeroportuale, Parcheggiatori, Manutenzioni linee elettriche ed idrauliche esterne, Portalettere/ recapito spedizioni, Polizia municipale/Forze ordine/militari, Manutenzioni piscine ecc..

Le strategie suggerite di prevenzione e protezioni individuali dei lavoratori:

  • assicurare l’attuazione delle misure di tutela
  • riorganizzazione e rimodulazione delle attività lavorative
  • rendere disponibili e accessibili aree ombreggiate per le pause
  • favorire l’acclimatazione dei lavoratori
  • promuovere il reciproco controllo dei lavoratori
  • formazione e informazione
  • sorveglianza sanitaria